Consulenza legale

L'avv. Chrisam ha conseguito l’abilitazione forense presso la Corte d'Appello di Milano ed esercita a Pavia, assicurando la difesa legale in tutto il nord Italia, ed in particolare in Lombardia e Veneto.

L’attività è resa soprattutto a favore di imprese, artigiani e liberi professionisti, compresi gli Studi legali che necessitino di specifica consulenza in tema di proprietà intellettuale e concorrenza.

Di seguito le principali materie trattate:

- DIRITTO INDUSTRIALE

Si tratta del “core business” dello Studio, frutto di anni di ricerca e pratica professionale in materia di marchi e altri segni distintivi, pubblicità, brevetti, diritti d'autore e connessi, concorrenza sleale e antitrust. Ciò consente di offrire al Cliente una valutazione obiettiva sia dei rischi connessi all'adozione di pratiche commerciali potenzialmente in conflitto con diritti di terzi, sia in merito alla strategia difensiva più efficace per reagire ad atti di contraffazione e concorrenza sleale. In tal senso è possibile offrire alle imprese servizi di monitoraggio ed assistenza legale a tutela degli asset immateriali, curando altresì la compliance legale dei provider relativamente alle condizioni generali per l'erogazione e l'accesso ai servizi online. Analoga assistenza viene assicurata anche agli autori di opere dell’ingegno, valorizzando non soltanto la sfera delle facoltà di sfruttamento economico, ma anche quella dei diritti morali.

- DIRITTO ASSICURATIVO E RESPONSABILITÀ’ CIVILE

La profonda conoscenza del mondo delle assicurazioni consente di gestire in modo puntuale le pratiche relative ai sinistri (dai danni da circolazione di veicoli o da cosa in custodia a quelli derivanti da responsabilità professionale). E ciò favorendo ove possibile la soluzione transattiva volta a minimizzare il rischio di lunghi contenziosi dinanzi a Tribunali e Giudici di Pace. Con specifico riguardo per la responsabilità medica, è possibile ricorrere peraltro ai nuovi strumenti introdotti dalla Riforma Gelli-Bianco del 2017, offrendo assistenza non soltanto in sede di eventuale mediazione civile ma anche nei procedimenti per accertamento tecnico preventivo ex art. 696-bis c.p.c.. Al paziente che si ritenga vittima di un caso di malasanità è possibile offrire una valutazione in concreto utile ad evidenziare rischi e potenzialità dell’eventuale azione giudiziaria. Ai medici ed alle relative strutture sanitarie è possibile rendere parere pro veritate, condividendo la linea difensiva e valutando caso per caso l’utilità di una definizione bonaria della vertenza ovvero di resistere in giudizio.

- DIRITTO BANCARIO E RECUPERO CREDITI

La specifica competenza maturata in tema di esecuzioni immobiliari consente di poter seguire con precisione le operazioni di recupero crediti nell’interesse di banche ed eventuali soggetti cessionari. Le difficoltà di recupero degli NPL sono note e dipendono in larga misura da procedure lunghe, farraginose ed inefficaci: agli innumerevoli problemi “cronici” che affliggono le esecuzioni, si sommano sovente quelli “patologici” frutto di opposizioni pretestuose esperite dai debitori nel tentativo di rallentare ulteriormente la procedura (si pensi ad esempio a quelle in tema di anatocismo e di interessi usurari). Solo l’esperienza maturata sul campo può consentire di fronteggiare tali imprevisti, curando con puntualità le operazioni di notifica di titoli e precetto e del successivo pignoramento, procedendo con la relativa trascrizione presso i pubblici registri immobiliari, iscrivendo la causa a ruolo, depositando l’istanza di vendita (per i mutui fondiari ex art. 41 TUB) e monitorando la procedura sino alla precisazione del credito ai fini del riparto. Dalla prospettiva del creditore ciò si traduce in una concreta speranza di recupero (quantomeno parziale) del proprio investimento; mentre in tema di difesa del debitore - escludendo ogni strategia inutilmente “temeraria” - è possibile offrire una valutazione attenta della relativa esposizione, concordando le difese da esperire nel giudizio e ricercando ove possibile un accordo con i creditori (si pensi ad esempio alla possibilità di sospensione della procedura esecutiva in corso per la durata massima di due anni).

L’attività di recupero non è ovviamente svolta a favore delle sole banche bensì di ogni soggetto che vanti un credito (es. fatture rimaste impagate), potendo essere indirizzata secondo necessità anche sui beni mobili del debitore nonché sui relativi crediti (è il caso del pignoramento presso terzi), svolgendo ove necessario gli accertamenti socio-economici tramite agenzia investigativa di fiducia.

Ulteriore tematica oggetto di consulenza ed assistenza legale è quella relativa alle opportunità di segregazione e di destinazione del patrimonio concesse dall’ordinamento giuridico; soluzioni controbilanciate dalla previsione di appositi rimedi a tutela dei creditori (revocatoria, simulazione).

- DIRITTO DEI CONTRATTI

La redazione delle clausole contrattuali non può essere lasciata al caso mutuando soluzioni standardizzate da modelli e formulari. Si tratta di testi complessi, in cui ogni previsione va interpretata alla luce delle altre cui risulta concatenata ed in rapporto con l’operazione economica complessivamente perseguita. L’esperienza maturata in tale campo consente di  valutare assieme al Cliente i possibili rischi sottesi a ciascuna formulazione letterale, consentendo di poter condurre in modo avveduto la negoziazione con le altre parti contraenti. E ciò con la consapevolezza che il maggiore sforzo profuso nella genesi del contratto si traduce in una minimizzazione del rischio di successivo contenzioso.

Qualora si giunga invece alla fase patologica dell’inadempimento, sarà necessario definire una linea difensiva valutando gli strumenti di tutela offerti dall’ordinamento giuridico sia sotto il profilo sostanziale sia sotto quello processuale (es. nel caso di vizi del bene compravenduto o dell’opera realizzata in esecuzione di un contratto di appalto, ovvero ancora nell’ipotesi di morosità del conduttore di un immobile concesso in locazione etc.).

Un caso a parte è costituito dalle condizioni generali del contratto predisposte unilateralmente da una parte e sottoposte all’altra per mera accettazione. Si tratta di ipotesi assai frequenti che impongono diversi ordini di valutazione: dal tema della conoscibilità del testo contrattuale a quello dell’effettiva libertà negoziale, dal potere contrattuale e di mercato della parte contraente più forte al tema dell’interpretazione contra proferentem.

- DIRITTO DEI CONSUMATORI

Quanto sopra evidenziato in tema di contratti standardizzati trova una specifica declinazione anche con riguardo alla figura del consumatore, inteso dal legislatore come parte contrattuale fisiologicamente debole. Ciò ha giustificato l’introduzione di un corpus normativo ad hoc al fine di tutelare specificamente tale categoria (Codice del consumo, D.lgs. 206/2005). Vi si prevede una disciplina particolarmente favorevole: si pensi ad esempio alle nullità di protezione ed al giudizio di vessatorietà delle clausole contrattuali che consente al Giudice ampi margini di riequilibrio del contratto.  

***

L’avv. Chrisam opera in stretta sinergia con un gruppo di professionisti ed accademici garantendo così assistenza legale ad ampio spettro senza rinunciare all'ormai imprescindibile specializzazione; e così è possibile assicurare consulenza ed assistenza legale anche in materia di diritto del lavoro, diritto amministrativo e diritto tributario.